deviAZIONI artistiKE
pitture al lattice, proieZioni, inciSioni, fuMetti e scimmie

Biella tra le tele psichedeliche di Mancosu: roba dell’altro mondo
Un esemplare di panda gigante scappa da un centro di ricerca cinese per raggiungere gli studi dei più famosi chirurghi estetici. Un gruppo di scimmie prende d’assalto la boutique newyorchese di Hermes portandosi via borse e foulard. Alcuni barboncini, sfuggiti ai loro padroni mentre passeggiavano nel centro di Milano, rapinano le gioiellerie di via Montenapoleone. Le tele psichedeliche New Pop del milanese Davide Mancosu (classe 1970) raccontano di animali che manifestato tendenze narcisiste e altre deviazioni comportamentali, indagano il mito dell’eterna bellezza e della vana apparenza. Il ricavato delle opere sarà interamente devoluto alla neonata associazione Save the Doctor Panda’s slaves.
Davide Mancosu, Save the Doctor Panda’s slaves, Galleria Zaion
, Biella, Salita di Riva 3, tel. 380 5140212, zaion@tin.it, dal 2 dicembre 2006 al 3 febbraio 2007, orario: dal mercoledì al venerdì 16.30 - 19.30, sabato e domenica su appuntamento

Africa remix a Modena
Samba Wa Mbimba N'Zingo Nuni Masi Ndo Mbasi (classe 1956), detto "Chéri Samba”, inizia a disegnare da bambino creando piccole storie disegnate con la tecnica del fumetto che vende fuori dall’uscita della scuola. Oggi è uno dei più rappresentativi artisti africani contemporanei.  “ … io sono nato in un villaggio, non conosco la storia dell’arte che mi ha preceduto. La parola autodidatta non esiste nella lingua lingala. Io sono nato artista. Questo è ciò che conta. Il lavoro, le opere, l’arte. Non ho bisogno di nessuno per sapere cosa devo o non devo fare. Io voglio parlare direttamente con Dio, se Lui mi vuole insegnare qualcosa. Ho una visione, ho dei messaggi. Se Dio mi darà ancora del tempo, potrò fare ancora molto.”
Chéri Samba, Galleria Mazzoli, Modena, Via Nazario Sauro 62, tel. 059 243455, info@galleriamazzoli.com, dal 2 dicembre 2006 al 31 gennaio 2007, orario: 10.00-13.00 e 16.00-19.30, chiuso la domenica

Alice nel paese delle meraviglie (Kiki Smith a Milano)
La produzione di stampe e multipli di Kiki Smith celebrata dalla grande mostra antologica Prints, Books & Things al MoMA nel 2003 approda a Milano da Raffaela Cortese. Nelle incisioni e nelle litografie a cui lavora a partire dagli anni ’80 ritroviamo tutti i temi cari all’artista americana: il rapporto tra uomo e natura, gli animali, l’astronomia, il ritratto, la letteratura. In mostra anche le grandi incisioni acquarellate a mano ispirate ad Alice nel Paese delle Meraviglie e una serie di piccole sculture in porcellana di soggetti femminili.
Kiki Smith, What is at hand, Galleria Raffaella Cortese, Milano, via A. Stradella 7- 20129, Milano, tel. 02 2043555, rcortgal@tiscali.it, www.galleriaraffaellacortese.com, dal 30 novembre 2006 al 27 gennaio 2007, orario:
dal martedì al sabato 15.00 - 19.30 e su appuntamento

Brit (m)art: Psycho etc a Rovereto
prettymucheverywordwritten,spoken,heard,overheardfrom1989... è piùomenoogniparolascrittadettasentitadal1989... La retrospettiva che presenta anche un’installazione site specific è la prima mostra in uno spazio museale italiano di Douglas Gordon - vincitore del prestigioso Turner Prize nel 1996. L’artista britannico è noto soprattutto per le sue proiezioni come 24 Hour Psycho, video in cui interviene sul tempo reale per alterarlo e sull'immagine in movimento per monumentalizzarla, in modo da modificare radicalmente la percezione consueta dello spazio reale. Le immagini sono quelle del film Psycho di Hitchcock, la cui durata viene distorta fino ad arrivare a 24 ore!
Douglas Gordon, prettymucheverywordwritten,spoken,heard,overheardfrom1989..., MART, Rovereto, Corso Bettini 43, ufficiostampa@mart.trento.it, www.mart.trento.it, dal 7 ottobre 2006 al 21 gennaio 2007, orario: da lunedì a domenica 10.00-18.00, biglietto: intero 8 €, ridotto 5 €

Torino XL
Plastica fibrorinforzata, schiuma uretanica, pittura al lattice, polistirene espanso, e molto, moltissimo colore. Stiamo parlando delle sculture di Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen esposte a Rivoli: un grosso papavero, un enorme coltellino svizzero, frammenti giganti di architettura che popolano gli spazi del castello barocco. In un’atmosfera giocosa e d’incanto si incontrano così due grandi maestri. La mostra si pone come momento di dialogo sulla scultura contemporanea.
Claes Oldenburg & Coosje van Bruggen. Sculture per caso, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, Rivoli (To), Piazza Mafalda di Savoia, tel. 011 9565222, www.castellodirivoli.it, info@castellodirivoli.it, dal 25 ottobre 2006 al 25 febbraio 2007, orario: dal martedì al giovedì 10.00-17.00, dal venerdì alla domenica 10.00-21.00, lunedì chiuso, biglietto: 6,50 €


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node