le NOTe piene
piene di sinceritA', ritmo, enerGIA, intenSità...

Vinicio Capossela in tour con Ovunque Proteggi
Dopo Canzoni a manovella, album che per bellezza, coerenza e completezza può senza ombra di dubbio considerarsi uno dei migliori lavori discografici del panorama musicale italiano dell’ultimo decennio, Vinicio Capossela è uscito lo scorso 20 gennaio con il suo sesto lavoro di inediti dal titolo Ovunque proteggi. Il cantautore dalle radici emiliane, ma nato ad Hannover, sarà quindi in tour dal mese di febbraio per presentare i brani del nuovo disco, alla cui registrazione hanno preso parte il chitarrista Marc Ribot, il violoncellista Mario Brunello (con cui Capossela ha portato nelle sale da concerto uno spettacolo musicale orbitante intorno al suo libro Non si muore tutte le mattine), la tromba di Roy Paci, e poi Ares Tavolazzi, Stefano Nanni e Gak Sato. Capossela sarà in concerto il 6 al Teatro Filarmonico di Verona e il 19 al Nuovo Teatro Carisport di Cesena.
http://capossela.warnermusic.it

Sergio CamMAriere
Dai locali fumosi ai nobili teatri. Ma ormai questa è una storia antica. Cammariere, che ha contribuito con la sua musica a donare alla canzone d’autore italiana una veste elegante, grazie anche a un’educata strutturazione dei propri brani sulla base di un linguaggio di riferimento di tipo jazzistico, partirà l’11 con Sul sentiero tour 2006, tournee che prende il nome dall’ultimo album pubblicato da Cammariere e che risale al 2004. Sarà in concerto l’11 presso il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano (insieme all’Ensemble Orchestra Filarmonica del Conservatorio), il 20 al Teatro Sistina di Roma e il 22 al Teatro Manzoni di Pistoia.
www.sergiocammariere.com

Le ore piene di Stefano Maria Ricatti
Si intitola Ad ore piene l’ultimo lavoro di Stefano Mari Ricatti, musicista dedito non solo alla realizzazione di canzoni ma anche di composizioni per teatro, balletti e per la radio. Attività compositiva che deve considerarsi inoltre legata ad una sua storica passione per la musica popolare (e la sua rivisitazione) nata in seno al Nuovo Canzoniere Italiano, all'Istituto Ernesto De Martino di Milano, alla Coop Nuovo Canzoniere Veneto e sfociata nella formazione dei Camerabanda. Ad ore piene, un disco cantato, per così dire, a bassa voce, è un album sincero, pacato, dal quale emergono, principalmente sotto il segno dell’ironia, riflessioni sulla vita e sulla società. Insieme al suo ensemble (Oreste Sabadin, clarinetto, cori; Roberto Favaro, sassofoni, cori; Enrico Pini, contrabbasso, basso elettrico, cori; Ivan Trevisan, percussioni, cori), Ricatti sarà in concerto il 10, l’11 e il 12 al Teatro Officina di Milano e il 18 al Teatro Fuoriposto di Mestre.
www.stefanomariaricatti.it

Arab Strap
Sembra ieri quando il duo scozzese degli Arab Strap (composto da Aidan Moffat e Malcom Middleton) uscì con Philopobia, raccogliendo ottimi favori sia da parte della critica che dagli appassionati dell’universo musicale indipendente. Tra testi spigolosi, ritmiche squadrate –  per lo più lente e realizzate con elementi musicali essenziali dell’elettronica (pattern geometrici e reiterati, affatto sofisticati e leziosi) – e arpeggi di chitarra asciutti e atmosferici, gli Arab Strap hanno sempre proseguito per la loro strada senza ammiccare al mercato e senza addolcire la loro vena intimista più prossima ad una malinconica dimensione solipsistica che alla riservatezza. Nel 2005, poi, il duo è uscito con il sesto lavoro in studio The Last Romance (edito dalla Chemikal Underground). Gli Arab Strap saranno al Rainbow di Milano il 17 febbraio, all’Estragon di Bologna il 18, al Circolo degli Artisti di Roma il 19 e all’Hiroshima di Torino il 20.


Pink Floyd, 40 anni di Suoni e Visioni
U
na dettagliata ricostruzione bio-discografica dei Pink Floyd.
Pink Floyd, 1965-2005, 40 anni di Suoni e Visioni, scritto da Alessandro Bratus per Editori Riuniti (524 pp; €18) è un viaggio che ripercorre la carriera di uno dei + importanti e amati gruppi del rock di tutti i tempi.
Sebbene la formazione inglese non incida più un disco a suo nome da The Division Bell (1994), capitolo tra i più discussi della loro produzione, nessuno può ancora decretare il loro definitivo scioglimento. Almeno stando alle parole di una delle menti più geniali e produttive del gruppo, Roger Waters, che in occasione della presentazione della sua opera Ça Ira non ha escluso una possibile reunion, anche in virtù del fatto che lo stesso Waters ha affermato che spesso i conflitti nascono dalla rigidità delle proprie idee e che, compito dell’uomo contemporaneo, è quello di evitare che nascano, o si protraggano, tali conflitti. In attesa, anche se senza trepidazione, di un loro ritorno, si può quindi tracciare l’arco della loro carriera musicale attraverso Pink Floyd. Libro scandito dalla produzione discografica del gruppo, del quale l’autore narra curiosità e retroscena offrendo ampie appendici dedicate all’attività live del gruppo, alle carriere soliste dei suoi componenti, e a una discografia e bibliografia selezionata
www.arabstrap.co.uk


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node