omBre e nAscondiGli
Arte X difenderci dai mali contemporanei, X vivere la traSgressione con eLeganza, X scoprire la dimensione nascosta delle cose, X indagare nella identità femMinile...

Venezia: Get up, stand up, don’t give up the fight
L’arte, e la cultura in generale, possono essere efficaci armi contro i mali contemporanei. Lontani dalla patina dell’industria culturale e dall’autoreferenzialità linguistica dell’arte, alcuni artisti internazionali – da Serpica Naro a Jose Perez de Lama, da Gaston Ramirez Feltrin a Giuliana Racco – sono invitati a confrontarsi con i problemi politici ed economici attraverso l’attivismo culturale.  Con le loro opere - video, mappe, stampe, sculture e installazioni - affrontano i concetti di potere, di controllo e di limitazione della libertà: attaccando il sistema a colpi di creatività, scuotono gli animi e creano dis – ordini.
Dis-orders, Fondazione Bevilacqua La Masa, Palazzetto Tito, Dorsoduro 2826, Venezia, tel 041 5207797, www.bevilacqualamasa.it, info@bevilacqualamasa.it, dal 24 ottobre al 19 novembre 2006, orario: dal lunedì al venerdì 15.00-18.00

Milano: La seduttrice
Dalla Russia zarista alla Parigi mondana, passando per Cuba e l’Italia, la retrospettiva milanese di Tamara de Lempicka, allestita a Palazzo Reale, rappresenta un viaggio nell’universo dell’artista polacca, nella sua pittura iperrealista, negli sguardi febbrili dei suoi ritratti. Spregiudicata, trasgressiva, elegante e sofisticata, Tamara de Lempicka è arrivata fino a Hollywood dove ha conquistato, tra gli altri, Jack Nicholson, Barbra Straisand e Madonna, di cui, in mostra, sono esposte le opere. 
Tamara de Lempicka, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12, Milano, tel. 02 54919, www.comune.milano.it/palazzoreale, dal 4 ottobre 2006 al 14 gennaio 2007, orario: da martedì a domenica 9.30 – 19.30, giovedì 9.30 – 22.30, lunedì chiuso, ingresso: intero 9 €, ridotto 7,50 €

Milano: il bosco incantato
Il disegno per Maria Francesca Tassi è uno strumento prezioso per raccontare reali storie di fantasia. Il lato interno del bosco non è altro che la dimensione nascosta delle cose, l’aspetto meno evidente, non sospetto, e il disegno, autentica ossessione dell’artista, è il mezzo che le permette di scoprire e indagare questo spazio segreto. Alla sua prima personale, Maria Francesca Tassi espone una serie di suggestivi disegni in bianco e nero e un’installazione che riprendono leggende immaginate o realmente esistite, racconti sognati e vita vera.
Maria Francesca Tassi, Il lato interno del bosco, Artopia, Via Labaro Papi 2, Milano, tel. 02 5460582, www.artopiagallery.it, ritaurso@tiscalinet.it, dal 9 ottobre al 20 dicembre 2006, orario: da martedì a venerdì 15.30-19.30

Roma: miniature contemporanee
Al National College of Arts di Lahore, sua città natale, Shahzia Sikander apprende le tecniche e i riti della pittura miniata di corte. Nel 2005 rappresenta l’India alla Biennale di Venezia. Nel 2006 vince il prestigioso Mc Arthur “genius” Award. Shahzia Sikander (Lahore, India, 1969, vive e lavora a New York) torna a esporre in Italia. Specializzata in miniature legate alla tradizione indiana e persiana, le sue opere racchiudono ricordi personali, esperienze di vita, riflessioni sull’identità femminile. Allo stile rigoroso e conservatore di antica tradizione orientale l’artista unisce la creatività delle espressioni soggettive occidentali, offrendo inediti spunti per un dialogo interculturale.
Shahzia Sikander, valentinabonomoartecontemporanea, via del Portico d’Ottavia 13, Roma, tel/fax 06 6832766, www.galleriabonomo.com, valentina.bonomo@fastwebnet.it, dal 3 ottobre 206 al 13 gennaio 2007, orario: da martedì a venerdì 15.30-19.30

Tra Siena e Nuoro, il lato oscuro delle cose
La mostra, allestita prima alle Papesse di Siena e poi al Man di Nuoro, è dedicata al tema dell’ombra, elemento arcano e imprescindibile, sacro per molte culture. Motivo iconografico antichissimo, non viene considerata in termini di percezione visiva bensì come doppio, enigma, fantasma, lato segreto delle persone e delle cose. Chi non conosce l'ombra delle forme, ignora la forma stessa. La sua importanza è tale che, secondo alcuni, chi la calpesta è destinato a morire, chi la perde sarà perseguitato dai demoni. Mario Schifano, Francesca Woodman, Gino De Dominicis, Tracey Moffat, Joan Jones, Laurie Anderson e Anri Sala sono solo alcuni degli artisti contemporanei che hanno cercato di svelarne, che ne hanno fatto il movente e il significato di alcuni dei loro lavori più interessanti significativi.
D’Ombra, Palazzo delle Papesse, Siena, www.papesse.org, dal 14 ottobre 2006 al 7 gennaio 2007, orario:da martedì a domenica 11.00 –19.00, lunedì chiuso, ingresso: intero 5 €, ridotto 3,50 €
MAN, Via Satta 15, Nuoro, tel/fax 0784 252110, www.museoman.it, info@museoman.it, dal 26 gennaio al 6 maggio 2007, orario: da martedì a domenica 10:00 - 13:00 e 16:30 - 20:30


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node