fantasTiche inQuietuDini
Erotici ritratti femminili, sculTure intrise di simboli antroPologici, installaZioni ambientali che inVadono l'ambiente e video ke raccontano una TurChia in movimento...

Vedo doppio

Per celebrare il lavoro di Carlo Mollino (1905-1973), architetto, fotografo, designer, scrittore, pilota, urbanista, sciatore, pilota, una sola mostra non basta. Torino, la sua città, rende omaggio al grande genio dalla personalità eclettica e sbalorditiva con due rassegne contemporanee: alla GAM sono esposti i progetti architettonici, gli oggetti d’arredamento e le auto da competizione, il Castello di Rivoli ospita invece l’ampia produzione fotografica, dai fotomontaggi di architetture alle immagini sugli sci, fino ai ritratti femminili, erotici, ricchi di pathos e humor, in formato polaroid.

Carlo Mollino, GAM, Torino, Via Magenta 31, tel. 011  442 95 18,  fax 011  442 95 50, www.gamtorino.it, gam@fondazionetorinomusei.it, dal 20 settembre al 7 gennaio 2007, orario: da martedì a domenica  10.00 - 19.00, giovedì 10.00 - 23.00, lunedì chiuso, ingresso: € 7,50 intero, € 4,00 ridotto, € 6,00 ridotto 20%, gratuito martedì tutto il giorno.

Castello di Rivoli, Museo d'Arte Contemporanea, Rivoli (Torino), Piazza Mafalda di Savoia, tel. 011 9565222/280, www. castellodirivoli.org, dal 20 settembre al 7 gennaio al 2007, orario:10.00-17.00, sabato e domenica 10.00-19.00, primo e terzo sabato del mese 10.00-22.00, lunedì chiuso, ingresso:  € 6,50, ridotto per ragazzi 11-14 anni, pensionati, insegnanti, studenti, disabili, gratuito per i minori di 11 anni

Pardon! 

Luigi Presicce da bambino disegnava scheletri e cimiteri. Oggi le sue tele, i piccoli disegni, le sculture, le installazioni e i video sono popolati da creature inquietanti, animali fantastici, strane sagome vestite di piume e pellicce che forse arrivano da laggiù. Alla sua prima personale da Antonio Colombo, il giovane artista pugliese, ma milanese d’adozione, presenta un nuovo ciclo di opere pittoriche e scultoree intrise di simboli attinti dall’antropologia, dalla religione cristiana, dai culti primitivi e dalla mitologia occidentale. Tra le sculture esposte figura anche un gigantesco nido di oltre due metri di diametro costruito con rami raccolti nel corso del tempo. L’opera Ventidue perdoni che dà il titolo alla mostra rappresenta ventidue creature incappucciate che indossano corone di spine che tornano a essere semplicemente rovi, quindi non più simbolo di sofferenza, semmai di riscatto e rinascita.

Luigi Presicce, Ventidue perdoni, Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano, Via Solferino 44 , tel/ fax 02 29060171, www.colomboarte.com, info@colomboarte.com, dal 22 settembre al 3 novembre 2006, orario: dal lunedì al venerdì 16.00 – 19.30

Prendetela con filosofia
L’età di Yayoi Kasuma, la più importante artista giapponese vivente, è un segreto. Sappiamo soltanto che vive e lavora a Tokyo, ha girato film, redatto riviste e partecipato ad attività sperimentali di ogni tipo, è stata a New York, ha collaborato con Peter Gabriel, con il fotografo Nobuyoshi Araki, con lo stilista Issey Miyake. Si è battuta per la pace in Vietnam e per l’indipendenza delle donne. Sappiamo anche che il suo talento è stato consacrato nei più importanti musei del mondo, e alla Biennale di Venezia del 1966 e del 1993. A Modena presenta la sua prima personale in un museo italiano espone diverse installazioni ambientali, quadri e sculture. Cerchietti, puntini, reticoli e strani microrganismi invadono l’ambiente, tra gioia, stupore e inquietudine di chi guarda.

Yayoi Kusama, Metamorfosi, Galleria Civica, Modena, C.so Canalgrande 103, tel. 059 2032911/2032940, www.festivalfilosofia.it, fax 059 2032932, dal 15 settembre 2006 al 7 gennaio 2007, orario: sabato, domenica e festivi 10,30 -18,00, chiuso il lunedì, 15, 16 e 17 settembre, in occasione del Festival della Filosofia 2006, apertura dalle 10,00 alle 23,00

Alaturca

La Turchia non è distante: solo 1153 miglia marine separano il Golfo di Trieste dal porto di Istanbul. La collettiva, curata da Francesco Bonami e Sarah Cosulich Canarutto, offre uno sguardo al panorama artistico contemporaneo di un paese geograficamente e idealmente situato tra Oriente e Occidente. Opere fotografiche e video di giovani artisti turchi riflettono il passato ricco e complesso, le contraddizioni del contemporaneo, le mitologie nazionali, un mondo multiforme e dinamico. Il progetto, che sostiene l'entrata in Europa della Turchia, si articola in un programma di mostre, incontri ed eventi nelle sedi di Palmanova, Pordenone, Trieste, Udine, Gorizia e Cividale.


1153 Arte Contemporanea dalla Turchia, Villa Manin Centro d’Arte Contemporanea, Piazza Manin 10, Codroipo (UD), tel. 0432 906509, fax 0432 908387, www.villamanincontemporanea.it, www.iturchiineuropa.it, info@villamanincontemporanea.it, dal 29 ottobre al 25 febbraio 2007, orario: da martedì a domenica 10.00-18.00

 

Arte Barocco

 

Cimabue, Piero della Francesca, Bernini e Giunta Pisano tornano a vivere nelle opere del piemontese Francesco Barocco (Susa, 1972) presentate nella nuova location della galleria Vitamin Arte Contemporanea, nel quartiere più cool di Torino, il quadrilatero romano. I disegni a pennarello su lucido, le sculture in PVC e le installazioni nascono come indagine su antiche formule figurative rivisitate in chiave contemporanea e sulle mutazioni di senso che esse subiscono inserite nel contesto attuale.

 

Francesco Barocco, Vitamin Arte Contemporanea, Torino, Cortile dei Ciliegi - Via Vittorio Andreis 12/C,  tel. 329 9805326 / 011 8136006, www.vitaminart.it , info@vitaminart.it, dal 19 settembre – 28 ottobre 2006, orario: 16.00 – 19.30, chiuso il lunedì







 

 

 

 

 


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node