doLci eFFluvi sonori
il gusto di un buon brano folk, la miscela di suoni etno e chill out, la sensualità di un tango jazzato, la malinconia di una ballata d'epoca...

Lou Rhodes
Beloved One
Infinite Bloom/Audioglobe

Qualcuno ricorderà i Lamb. Era un duo elettronico inglese la cui cantante ha deciso ora di lasciare il sound elettro per sposare una dimensione sonora diversa, muovendosi sulle onde del drum’n bass. Cosa che non ci dispiace affatto. Perché il suo nuovo disco Beloved One propone gustosi brani folk valorizzati dai suoni acustici delle chitarre e da una presenza discreta di archi e batteria. Ma soprattutto esalta ai massimi livelli l’espressività vocale di Lou, che qui riesce a sedurre in modo fin quasi troppo facile: in pochi secondi di ascolto ci ha già conquistati con una malia che mai in passato era venuta fuori dalle performance cariche di loop elettronici. Morbida seduzione.

Natacha Atlas
Mish Maoul
Mantra
Il suo background vanta collaborazioni illustri, come quelle con Franco Battiato e con Jean-Michel Jarre, con il quale si è esibita sotto le piramidi del Cairo. Non a caso forse, visto che pur essendo belga, le sue origini sono un misto fritto di Marocco, Egitto e Palestina. Qualcosa che funziona sempre nella creatività di un artista, perché infatti il suo nuovo lavoro richiama le sonorità delle banlieue marocchine di Bruxelles, ma anche lo stile arabo degli archi egiziani in una miscela di suoni etno, ambient e chill out di sicura presa su chi ha l’anima soft. Meticciato d’autore.

Carlos Libedinsky  
Narcotang
o
New Sound Dimensions/Tademus
Vi piacciono i Gotan Project? Allora questo disco fa per voi. Perché il nuovo tanghero di Buenos Aires Carlos Libedisnky ricorda un po’ i suoni ibridi di quel gruppo per la sua capacità di trasformare il tango in quello che lui stesso chiama “narcotango”. Ovvero un’evoluzione del tango che avviene quando i corpi, stanchi di danzare per tutta una notte, iniziano a provare nuovi passi, ad allontanarsi dal tango tradizionale per sperimentarsi su confini più trasgressivi. E’ così che nasce il tango jazzato di Libedisnky, sensuale come mai lo era stato il tango prima, carico di quella erotica tensione capace di lanciare in qualche passo di ballo anche i più sprovveduti. E pure chi vorrà restare disteso ad ascoltare potrà provare un’intima seducente malinconia.

Daniel Johnston
Lost and Found
Sketchbook/Goodfellas

E’ forse uno dei padri fondatori del grunge, al cui stile e alla cui creatività si sono ispirati tantissimi altri artisti di grande peso come Kurt Cobain, che lo ha espressamente citato come uno dei suoi punti di riferimento. Questo cd, di genere lo-fi, recupera alcune ballate d’epoca, risalenti agli anni ’50, e rivisitate in chiave grunge. Pregevole la sua voce roca e bassa che sa rendere perfettamente tutta la fragilità di un artista capace di cantare con gran sensibilità un mondo nel quale fa fatica a vivere, visti i suoi trascorsi di droga e profonde depressioni al limite della follia. Per un ascolto senza lucchetti.

Mocky
Navy Brown Blues
Sony/BMG
Avete le idee poco chiare in fatto di ascolto? Scegliete il nuovo lavoro sperimentale di Mocky e l’avrete. Perché in questo cd l’artista, uno di quei bianchi con la voce più nera che ci si possa aspettare, riesce a concentrare vapori jazz, echi soul, frammenti funk, atmosfere hip hop, accenni romantici, ritmi dance e mood fusion in un magico equilibrio, senza che alcuno di questi sound prevalga sugli altri. Del resto c’era da aspettarselo da chi si è sempre divertito a cambiare tutto, identità, genere musicale, città, stile di vita, etichette…


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node