risVEGLI
sI palesa una nuova grande occasione... e cosa succede denTro di noi?

Cosa accade quando il cielo si fa più blu, i gridi di rondine aprono a cerniera l’aria, la luce perdura e si comincia a sentire, a volte, caldo, spogliandosi?
Cosa accade quando cambia la fame e la pressione, il sonno si strappa, le abitudini si disordinano cedendo a piccole, nuove, improvvisazioni?
Cosa accade quando piomba una spinta improVVisa, certa, che ci intenziona e dirige verso l’altro, concentrati in una voglia personalissima di contatto?

Nonostante la primavera sia parte di un solito, unico ciclo e sempre lo stesso da sempre, al suo farsi accade a molti di avvertire un tremolio, un senso eccitante di sveglia e risveglio, come in una prova generale per un possibile palesarsi di una nuova, grande occasione: tutto si apre intorno e per mimesi e imitazione può succedere lo stesso in noi, anche se, da tempo, immobili in una postura stanca ma sicura.

Come approfittare di un antico movimento planetario (minimale), identico, geometrico e ripetitivo, per risvegliarsi ed evolvere?

Forse, provando a coincidere con quel momento.

In scienZa e in aMore, ogni trasformazione è percepita come un cambiamento irreversibile e definitivo, una corruzione dello stato precedente verso nuove forme e sostanze dell’essere (per questo la malinconia, insieme alla gioia, nel crescere? Per questo quello struggimento inesprimibile ogni volta che si raggiunge qualcosa di atteso, si soddisfa un desiderio, si conquista una meta cui ci si è dedicati nel tempo?).
Difficile allora stare dentro a una trasformazione: rinunciare a una identità definita, a una posizione cartesiana, a un equilibrio ragionevole, all’estetica dell’ideale, al contenimento cardinale, alla collocazione omologata tra ascissa e ordinata. Difficile.

Eppure, resistere alla paura di stare nel movimento mentre accade (senza baricentro), coincidendo, anche per un attimo, con ciò che avviene mentre avviene, dementi (senza mente), imbecilli (senza azione), diSABili (senza capacità), ignoranti (senza certezze), abbandonando egocentrismi tolemaici, può lanciarci nell’attesissimo mistero dove tutto cresce.

Senza memoria né progetti, senza tensione vigile e strategica sul possibile ma invece mollemente aperti all’ignoto del futuro (che un po’ per volta velocemente si fa presente) può accadere di rispondere agli stimoli in un modo per noi diverso dal solito: può accadere di evolvere.

BaZar ricerca un movimento pacifico ma incessante, somma (equilibrata) di quell’esperienza vitale che contiene e comprende disordini, inciampi, fratture, stonature e daltonismi.

Viva la primavera!


AIUTACI

PATROCINI E PARTNERS


Co-edizioni cartacee Bazarsaggi e Bazarcollection


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node