Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UN TEMPO CRONICO
Editoriale
Manuela Ardingo
Manuela Ardingo
TU CHIAMALE SE VUOI... EMOZIONI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
TI SERVE UN PUNTERUOLO DA GHIACCIO
Marino Midena
Marino Midena
RIBELLI ROMANTICI E FELICI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
BARBIE SIMPSON E FERRARI
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
MEMORIA & TERRORE
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
MA LA CULTURA E' SEMPRE SERIOSA?
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
ARDORI DISINCANTI E NOCCIOLINE
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
AH, CHE BEL VIVERE
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
3 MINUTI, SOLO 3
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
SCHERZI MOLTO SERI
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
VISUALI PROSPETTICHE SPERIMENTALI
Fabio Murru
Fabio Murru
PORI APERTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
OUVERTURE DA PICCOLI
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
BRANDELLI D'UMANITA' E FETTE D'IRONIA
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
TI METTO SU UN PIEDISTALLO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
REVIVAL RINASCITE E RIVELAZIONI
Paola Turci
Paola Turci
RIDERE DI NOI
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
IL BATTITO è NATO SPORCO
Anadi Mishra
Anadi Mishra
SASSOFONO E PIATTI
Desiree Nardone
Desiree Nardone
VUOI DIVERTIRTI COME IN GITA?
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
10 RAGAZZI COME VOI
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
TRA DECADENZA E SPAZZATURA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
MARMELLATA!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
UN DITO NEL BARATTOLO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo I: D'AMORE NON SI MUORE + DI 1 VOLTA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
RIEMPI...MENTI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
LA VITA E' TUTTA UNA SCOPERTA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
LA RIBOLLITA DEVE RIBOLLIRE!
Simona Marchini
Simona Marchini
VEDO POSITIVO
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PRENDETE CARTA, PENNA E BARCA A VELA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
DOTTOR EURO E MISTER PREZZO!
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
GNAM... GNAM... CHOMP... CRUNCH...
Juri Chechi
Juri Chechi
VENITE A CENA?
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
STANNO TUTTI SOTTO
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
TI ACCENDO E TI INDOSSO
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
EMOZIONI ACCESSIBILI
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
WONDER CHILDREN
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
DELFINI PESSEMPRE
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
ESTREMO SUPREMO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
VIETATO RESTARE INDIETRO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TUTTO QUELLO CHE VUOI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
IL BUONO IL BELLO E IL SANO
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
DIVIDI E MOLTIPLICA
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
CAMBIARE SI PUO'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
IMPEGNATA-MENTE
Eva Robin's
Eva Robin's
LE PRINCIPESSE BRUCIANO I REGGISENI!
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DONNE DI CLASSE, SICURE E SENZA UOMINI
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
L'ARTE CHE VERRA'
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
SUBURBAN LIFE
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
FERRI NASTRI E CARTOLINE
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SULL'ORLO DEL BARATRO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
A LA PAZ PER TOCCARE IL CIELO
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
TRA DECADENZA E SPAZZATURA
Il trash può essere arTe?
Ritorno alla spazzatura: quando il trash, prima che rifiutato, era rifiuto
Il trash nella sua definizione attuale è, fortunatamente, in agonia: tra le varie scorribande che si possono effettuare in rete alla ricerca dei vari significati del termine infatti, molti dei risultati riguardano direttamente un fondo fatto di scarti riconducibili ad un modello televisivo alla deriva. Guido Fabrizi, fotografo, ha di recente proposto al Cafè del Ripa Hotel di Roma “Trashvision.it”, una mostra di fotogrammi rubati al peggio della televisione nostrana dichiarando che l’esposizione non ha avuto “nessun intento moralizzatore, è stata solo uno sguardo obiettivo sulla tv contemporanea e sulle sue forme di decadenza”. La mostra ha trovato ragione d’essere nel luogo più adatto alla sua rappresentazione: le toilettes. Eppure, nonostante la televisione, il genere spazzatura è vivo e vegeto e si appresta a contaminare settori dai quali fino a poco tempo fa era per definizione escluso. Uno su tutti, quello artistico.

Viva la Trash-Art

trashart 1

Tradotto in parole, il trash applicato alle arti sembra ripartire proprio dal concetto di spazzatura, riappropriandosi del suo significato iniziale: quello di rifiuto. Sono in particolare il settore artistico e quello informatico ad assorbirne la terminologia e a contaminarsi con quanto spesso è stato ritenuto poco dignitoso o bollato come sottoprodotto culturale. Il tentativo è quello di sfruttare la capacità del trash di diventare spiazzante e provocatorio, qualora opportunamente ricollocato. Il Trashware è la neonata attitudine al riciclo dei pezzi informatici in disuso per nuove e più disparate ri-utilizzazioni (compresa la costruzione di obsoleti robot vecchio stampo). Una sua appendice è la Trashart, di cui diverse associazioni si sono fatte portavoce. Tra queste ne danno alcuni esempi l’associazione di promozione sociale “Golem” di Empoli, operante sul sistema Linux (http://golem.linux.it/index.php/Trash%21Art) o l’associazione culturale “Mastronauta”, che dà una precisazione sugli intenti di tale pratica: “Restituire dignità e significato agli scarti del consumismo, sperimentando nuove collocazioni nell'arte e nel quotidiano e' la linea ispiratrice del progetto Trash Art”.
L’unica via di salvezza per il trash oggi sembra così quella di mescolarsi a qualcosa d’altro, meglio ancora, di “alto”. Sacro e profano a braccetto: un po’ come accade per l’assunto di base della “Bad Painting”, una corrente molto diffusa fra i giovani artisti di tutte le nazioni, il cui intento principale è quello di “sminuire con immagini inutili, frivole e spesso volgari i temi ritenuti importanti ed al contrario, esaltare temi banali”.
La Bad Painting interessa principalmente la pittura, ma si concentra anche sui linguaggi sonori e visivi. Già in passato il trash è stato oggetto di interessanti esperimenti di contaminazione, ad esempio a livello musicale e cinematografico.

Un Dvd da collezionare: Bazar Consiglia

film il papocchio

La capacità di mescolare sacro e profano in maniera spericolata la dimostra in pieno un film come “Il Pap’occhio” di Renzo Arbore del 1980. Il peggio della televisione di allora assieme ai più nobili sperimentatori (Benigni regala alcuni monologhi da antologia e Arbore ripropone, con un certo azzardo, il modello radiofonico sul grande schermo) è messo in scena niente meno che all’interno di San Pietro. Alé. Ritirato dalle sale per vilipendio alla religione (senza che se ne capisca la ragione, a parte una innata cecità del nostro paese a qualsiasi discorso critico che semplicemente includa il concetto di Chiesa), il film è ristampato e distribuito al cinema nel 1998, quando oramai le persone hanno assimilato ben altri toni offerti in maniera più che gratuita soprattutto dal mezzo televisivo. Eppure il film mantiene una capacità tutta sua di giocare con i limiti, finisce per spiazzare chi ci si trova davanti perché i suoi confini sono tutt’altro che definiti e definibili: “Il Pap’occhio” mette in scena il trash servendosi delle modalità con cui quest’ultimo si offre al pubblico, rimanendo così un oggetto sfuggente frutto di sperimentazioni e di un periodo in cui queste potevano ancora essere fatte con una certa dose di spensieratezza ed ingenuità.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of January 2008
di Guido Dolara

CuLt - Gennaio 2008


 

Trash CULT: ricicli e periferie culturali
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node