Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UN TEMPO CRONICO
Editoriale
Manuela Ardingo
Manuela Ardingo
TU CHIAMALE SE VUOI... EMOZIONI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
TI SERVE UN PUNTERUOLO DA GHIACCIO
Marino Midena
Marino Midena
RIBELLI ROMANTICI E FELICI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
BARBIE SIMPSON E FERRARI
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
MEMORIA & TERRORE
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
MA LA CULTURA E' SEMPRE SERIOSA?
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
ARDORI DISINCANTI E NOCCIOLINE
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
AH, CHE BEL VIVERE
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
3 MINUTI, SOLO 3
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
SCHERZI MOLTO SERI
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
VISUALI PROSPETTICHE SPERIMENTALI
Fabio Murru
Fabio Murru
PORI APERTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
OUVERTURE DA PICCOLI
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
BRANDELLI D'UMANITA' E FETTE D'IRONIA
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
TI METTO SU UN PIEDISTALLO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
REVIVAL RINASCITE E RIVELAZIONI
Paola Turci
Paola Turci
RIDERE DI NOI
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
IL BATTITO è NATO SPORCO
Anadi Mishra
Anadi Mishra
SASSOFONO E PIATTI
Desiree Nardone
Desiree Nardone
VUOI DIVERTIRTI COME IN GITA?
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
10 RAGAZZI COME VOI
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
TRA DECADENZA E SPAZZATURA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
MARMELLATA!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
UN DITO NEL BARATTOLO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo I: D'AMORE NON SI MUORE + DI 1 VOLTA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
RIEMPI...MENTI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
LA VITA E' TUTTA UNA SCOPERTA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
LA RIBOLLITA DEVE RIBOLLIRE!
Simona Marchini
Simona Marchini
VEDO POSITIVO
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PRENDETE CARTA, PENNA E BARCA A VELA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
DOTTOR EURO E MISTER PREZZO!
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
GNAM... GNAM... CHOMP... CRUNCH...
Juri Chechi
Juri Chechi
VENITE A CENA?
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
STANNO TUTTI SOTTO
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
TI ACCENDO E TI INDOSSO
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
EMOZIONI ACCESSIBILI
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
WONDER CHILDREN
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
DELFINI PESSEMPRE
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
ESTREMO SUPREMO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
VIETATO RESTARE INDIETRO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TUTTO QUELLO CHE VUOI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
IL BUONO IL BELLO E IL SANO
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
DIVIDI E MOLTIPLICA
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
CAMBIARE SI PUO'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
IMPEGNATA-MENTE
Eva Robin's
Eva Robin's
LE PRINCIPESSE BRUCIANO I REGGISENI!
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DONNE DI CLASSE, SICURE E SENZA UOMINI
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
L'ARTE CHE VERRA'
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
SUBURBAN LIFE
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
FERRI NASTRI E CARTOLINE
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SULL'ORLO DEL BARATRO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
A LA PAZ PER TOCCARE IL CIELO
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
A LA PAZ PER TOCCARE IL CIELO
E non solo perchè è la capitale più alta del mondo...
La Paz è la capitale più alta del mondo, tra i 3000 e 4100 metri. Sono molti i contadini che lasciano le loro povere campagne per venire qui a tentare una vita e un lavoro migliore.
Da una ventina d’anni intanto è cresciuta a una velocità estrema la città di El Alto. Attaccata alla capitale boliviana, sui monti che la circondano, è diventata una città dormitorio, popolata da una maggioranza di “indigenos”, raggiungendo circa un milione di persone (più della Paz, dove vivono 800.000 abitanti!). E se prima essere considerati “indios” era vissuto come una vergogna, adesso il movimento per l’autostima e l’importanza delle proprie origini viene ribadito sempre più forte come uno slogan, soprattutto dall’arrivo di Evo Morales al potere, essendo lui stesso di una famiglia “ayamara”. (gli Aymara fanno parte delle oltre 30 comunità linguistiche e culturali sparse attraverso il paese).

La Paz 2 La Paz 1
Foto scattate da Marie Close

A La Paz tanto vale arrivare dall’Alto, la prima impressione è sconvolgente! Quando si viene dall’unica strada si ha una vista panoramica sull’intera città e sulle migliaia di casette costruite su ogni parcella disponibile. In lontananza appare il vulcano Illimani, ricoperto di neve che si confonde a volte con le nubi o che spacca le giornate di cielo azzurro.
Si capisce subito che si entra in un centro di contrasti, di paradossi enormi, a misura della natura che s’impone, gigantesca, di fronte a una specie di culla gorgogliante, vestita da mille colori che si confondono nell’agitazione urbana.
Il centro benestante si trova li, proprio in mezzo alla culla, con edifici lunghi che sembrano voler toccare le cime, dove invece le case si fanno modeste, di terra, color fango. E così che si incrociano, senza tante considerazioni, ad ogni minuto, business-men in giacca e cravatta con “cholitas” piene di fagotti sulle spalle, e un mondo di differenze.

Il centro

Il centro, data la sua situazione geografica, è protetto dai venti dell’Altipiano, ed è diviso in vari quartieri. Attorno al Prado, il viale principale che taglia la città in due, all’ovest, si trova il quartiere dei mercati, che finisce sull’avenida Buenos Aires. Qui si trova la calle Sagarnaga, piena di negozietti turistici, agenzie di viaggi e ristorantini vegetariani!
Mercato Camacho, avenida Camacha, esquina Campero, dove si vedono le “cholas”donne tipiche della capitale, vestite con abiti tradizionali dai colori cangianti, alle quali lo scrittore boliviano Antonio Diaz Vilamil si è ispirato per il suo romanzo “La Niña de sus ojos”.

La Paz
Foto scattata da Marie Close

Il quartiere di San Pedro
Poi il quartiere popolare di San Pedro, anche lui con un mercato coloratissimo di tante varietà di frutta e verdura, i posticini dove mangiare per pochissimo.
Dall’altro lato a est, Miraflores, dove si trova lo stadio di calcio, famoso per accogliere periodicamente squadre come il Brasile, l'Argentina e altre per le qualifiche della coppa del mondo. E’ una dura prova per le squadre invitate che soffrono della mancanza di ossigeno dovuta all’altezza. Molti, addirittura vorrebbero proibire che si possano ancora giocare partite qui.

Due musei da non perdere
Il Museo Nazionale d’Arte, a due passi dalla plaza Murillo. Aperto dal martedi al sabato, dalle 9h30 alle 12h30 e dalle 15h alle 19h. Il costo è di 10BS (moneta locale: il boliviano, scritto BS). Al secondo piano si trovano le sale dedicate all’arte contemporanea boliviana e del Sud America in generale.

Museo Tambo Quirquincho, all’angolo della calle Evaristo-Valle che dà sulla piazza Alonzo de Mendoza. In questa casa coloniale ben restaurata si trova una sala dedicata alla donna “chola” molto interessante. Si trovano anche in questa dimora maschere di carnevale, abiti tipici, una grande scelta di foto del secolo passato, antiche cartine geografiche e degli oggetti d’argento.

Per mangiare e uscire
Mercado Lanza, Plaza Perez-Velasco, Evaristo Valle. Famoso per essere il “comedor popular” di La Paz. Si sceglie fra decine di pani diversi e i pranzi, ottimi anche se raccomandati agli stomaci resistenti, non costano mai più di 5 BS.
Se no, vedrete che i ristorantini non mancano e propongono spesso ottima cucina a prezzi più che stracciati!

Peña a Marka Tambo, Calle Jaèn, 710. In questa stradina piena di storia, l’unica che abbia conservato il suo aspetto coloniale intatto (infatti sembra di starsene per un attimo a Sevilla) troverete un posticino davvero simpatico dove si fanno concerti dal giovedi al sabato, a partire delle 22h30. Bravissimi musicisti vengo a esibirsi qui, vale la pena!

Dormire
Alojamiento Illimani, calle Illimani, 1817, tel: 02/2202 346, pulito e molto tranquillo, circa 40BS, a persona.
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of January 2008
di Guido Dolara

CuLt - Gennaio 2008


 

Viaggi: muoversi per capire
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node