Eugenia Romanelli
Eugenia Romanelli
BAZAR E’ UN TEMPO CRONICO
Editoriale
Manuela Ardingo
Manuela Ardingo
TU CHIAMALE SE VUOI... EMOZIONI
Laboratori: studenti sotto inkiesta
Roberto Pisoni
Roberto Pisoni
TI SERVE UN PUNTERUOLO DA GHIACCIO
Marino Midena
Marino Midena
RIBELLI ROMANTICI E FELICI
Visioni: tutto il visibile su schermo
- Recensioni

- Off
Giuseppe Nadir Romano
Giuseppe Nadir Romano
BARBIE SIMPSON E FERRARI
Videogiocando: identità virtuale
Caterina Gonnelli
Caterina Gonnelli
MEMORIA & TERRORE
Onde: tv per il mondo
Maria Grazia Di Mario
Maria Grazia Di Mario
MA LA CULTURA E' SEMPRE SERIOSA?
Sintonie: radio in più modi
Gabriella Serusi
Gabriella Serusi
ARDORI DISINCANTI E NOCCIOLINE
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso
AH, CHE BEL VIVERE
Scene: teatro e danza su dal dietro il palco
- Recensioni

- Salmoni
Marcello Nardi
Marcello Nardi
3 MINUTI, SOLO 3
Fabio Piccolino
Fabio Piccolino
SCHERZI MOLTO SERI
Fabrizio Gianuario
Fabrizio Gianuario
VISUALI PROSPETTICHE SPERIMENTALI
Fabio Murru
Fabio Murru
PORI APERTI
Johnson Righeira
Johnson Righeira
OUVERTURE DA PICCOLI
sUonI: Musica da digerire
- Live

- Off
- Soft
- Recensioni
- ContROcanto
Ciro Bertini
Ciro Bertini
BRANDELLI D'UMANITA' E FETTE D'IRONIA
Flavia Piccinni
Flavia Piccinni
TI METTO SU UN PIEDISTALLO
Salvatore Satta
Salvatore Satta
REVIVAL RINASCITE E RIVELAZIONI
Paola Turci
Paola Turci
RIDERE DI NOI
Leggere: cultura su carta
- Recensioni

- UnDERSIze
- Fumetti
- Letti da
Marcello Nardi
Marcello Nardi
IL BATTITO è NATO SPORCO
Anadi Mishra
Anadi Mishra
SASSOFONO E PIATTI
Desiree Nardone
Desiree Nardone
VUOI DIVERTIRTI COME IN GITA?
Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto
10 RAGAZZI COME VOI
Notte: percorsi al buio
- tendenze

- off
- IN
- noTTEtempO
Emanuele Martorelli
Emanuele Martorelli
TRA DECADENZA E SPAZZATURA
Trash CULT: ricicli e periferie culturali
Chiara Spegni
Chiara Spegni
MARMELLATA!
Chiara Organtini
Chiara Organtini
UN DITO NEL BARATTOLO
Gusti: mangiare con amore
- storia

- vai!
Sergio Caucino
Sergio Caucino
Capitolo I: D'AMORE NON SI MUORE + DI 1 VOLTA
Httivare: il mio romanzo
Lorella Scacco
Lorella Scacco
RIEMPI...MENTI
Alberto Gabriele Morelli
Alberto Gabriele Morelli
LA VITA E' TUTTA UNA SCOPERTA
Eva Buiatti
Eva Buiatti
LA RIBOLLITA DEVE RIBOLLIRE!
Simona Marchini
Simona Marchini
VEDO POSITIVO
Arti: nuovi modi di creare nuovi modi di cercare
- recensioni SUD

- musei COOl
- mangiare e creare
- disparte
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
PRENDETE CARTA, PENNA E BARCA A VELA
Corsi: possibilità senza margini
Vera Risi
Vera Risi
DOTTOR EURO E MISTER PREZZO!
Life&cash: economie virtuali
Stefania Secondini
Stefania Secondini
GNAM... GNAM... CHOMP... CRUNCH...
Juri Chechi
Juri Chechi
VENITE A CENA?
Essere: dentro e fuori
- health wellness beauty healing

- E-splorazioni
Livio Montesarchio
Livio Montesarchio
STANNO TUTTI SOTTO
Avere: oggetti oggetti oggetti
Francesco Bezzi
Francesco Bezzi
TI ACCENDO E TI INDOSSO
Hitech: mondi possibili
Riccarda Patelli Linari
Riccarda Patelli Linari
EMOZIONI ACCESSIBILI
Architetture&Design: forme che si esprimono
Giulia Taglienti
Giulia Taglienti
WONDER CHILDREN
Piccoli: mondi capovolti x bambini uguali e diversi
Lorenza Somogyi
Lorenza Somogyi
DELFINI PESSEMPRE
Pratiche bestiali: emozioni animali
Irene Maria Cristina Lo Savio
Irene Maria Cristina Lo Savio
ESTREMO SUPREMO
Sport: a 360 gradi, voglia di provare
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
VIETATO RESTARE INDIETRO
Fenomeni: esprimersi senza padri padroni
Giuliano Cangiano
Giuliano Cangiano
TUTTO QUELLO CHE VUOI
Net: viaggio tra i segreti della rete
Alessandra Signorini
Alessandra Signorini
IL BUONO IL BELLO E IL SANO
Critical living: vivere scegliendo
Massimiliano Bonomo
Massimiliano Bonomo
DIVIDI E MOLTIPLICA
Ambienti: eterocentrismi
Giovanni Prattichizzo
Giovanni Prattichizzo
CAMBIARE SI PUO'
Divergere: abilità multiple
Alice Rinaldi
Alice Rinaldi
IMPEGNATA-MENTE
Eva Robin's
Eva Robin's
LE PRINCIPESSE BRUCIANO I REGGISENI!
Queer: identità di genere
- Gender

- Contaminazioni
Serena Cama
Serena Cama
DONNE DI CLASSE, SICURE E SENZA UOMINI
Tacchi Alti: espressione donna
- Con le donne

 Shootin' Stars
Shootin' Stars
L'ARTE CHE VERRA'
Noi: identità europea, il nostro nuovo mondo
Franco Andreucci
Franco Andreucci
SUBURBAN LIFE
Loro: dal colosso USA x capirci di +
Mickey Mouse
Mickey Mouse
FERRI NASTRI E CARTOLINE
Migrazioni: cosa accade in silenzio
Stefano Cera
Stefano Cera
SULL'ORLO DEL BARATRO
Tramutare: trasformazioni evolutive
Chiara Sassoli
Chiara Sassoli
A LA PAZ PER TOCCARE IL CIELO
Viaggi: muoversi per capire


Direttore Responsabile: Eugenia Romanelli
Direttore Esecutivo: Vera Risi
 
TU CHIAMALE SE VUOI... EMOZIONI
La noia ti opprime? Combattila con un ricco omicidio plurimo... Almeno passi la giornata e provi qualcosa di nuovo! E se la banalità del quotidiano ti deprime... organizzati una serata di Battuage, oppure corri a catturare un torNado!
(A cura di Manuela Ardingo e degli studenti dell'Università La Sapienza di Roma)
Drogati di emozioni: per stimolare ghiandole e meccanismi cerebrali va bene tutto, il caffè, la Coca Cola, i dolci, la paura, gli psicodrammi in famiglia, la rabbia, una lite furibonda con qualcuno, l’abuso di potere, il lavoro per il lavoro, gli allenamenti eccessivi, la cioccolata, il freddo, l’heavy metal a volumi ingestibili, il sale...
E’ purtroppo notizia recente che dietro l’omicidio di Meredith Kercher, a Perugia, ad esempio, ci fosse soltanto uno smodato desiderio di vivere nuove sensazioni. Di combattere la trita routine di una simpatica città di provincia. Ipotesi più che confermata da alcune frasi tratte dal blog di Raffaele Sollecito, uno dei maggiori indagati insieme alla sua ragazza Amanda: un ragazzo annoiato dalle serate tutte uguali, un ragazzo che spera di trovare un giorno emozioni più forti…

Farsi la barba o uccidere, che differenza c’è?
Ma, davvero, si può uccidere per noia? (http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Si-pu%C3%B2-uccidere-per-noia/1875728/18) Ma, davvero, siamo capaci di sviluppare una dipendenza da sensazioni tale da cadere in vere e proprie crisi di astinenza di fronte alla monotonia della routine quotidiana? Giorgio Abraham, docente di psichiatria presso le università di Ginevra e di Torino, ha parlato addirittura di Emotional addiction. E’ una ricerca sempre più diffusa, nel sesso, nel gioco d'azzardo, negli sport estremi. […] Ecco, anche a Perugia è in gioco la droga da emozioni. Emozioni negative: paura, violenza. Ma anche la colpevolezza è una droga potente. Molto più dell'euforia… (http://espresso.repubblica.it/dettaglio//1888191)

"Questi comportamenti sono anche la conseguenza di certi schemi della società. Si scherza con il fuoco. Si gioca con la morte, lanciando sassi dal cavalcavia. Superando gli incroci a folle velocità o saltando sui binari. Con la stessa mentalità i giovani si imbottiscono di pasticche. Si vuole provare l'estremo. Aumentando il tasso delle droghe endogene con l'aggiunta di quelle chimiche. Un fenomeno che mi preoccupa molto".
Massimo Barra, www.villamaraini.it

Il Prof. Marvin Zuckerman, docente di psicologia dell'Università del Delaware (USA), studia da più di trent'anni l'indole del traditore cronico. Del giocatore d’azzardo, dello scommettitore clandestino, dell’uomo che non deve chiedere mai. Del killer tanto per... Persone – molte più di quanto si possa pensare! – che hanno sviluppato una dipendenza dagli effetti di sostanze secrete dal nostro corpo in particolari condizioni. Sostanze che nulla hanno da invidiare alle più industriali anfetamine. Droghe endogene simili, per effetti e difetti, a quelle più classiche: metodi di somministrazione a parte.

Sensation Seekers: a caccia di emozioni!
Talmente simili che Zuckerman ha potuto, con puntuali riscontri di natura biochimica, isolare i soggetti affetti da questa forma di dipendenza endogena, dando loro il nome di Sensation Seekers (SS) e tracciandone un identikit senza scampo.
Il tipico SS è giovane e anticonformista, molto impulsivo e curioso, ama assumere migliaia di impegni, odia la puntualità e tutto ciò che è down to earth, a tratti aggressivo, non riesce a convivere con la banale quotidianità delle cose e rilancia spesso e volentieri cercando di renderla quanto più rischiosa possibile. Il fascino del rischio, la possibilità esplicita di poter perdere sempre tutto, gli permette di vivere in maniera più intensa. E aumenta, ça va sans dire, il senso della propria presenza nel mondo.

Down to Earth. È l’insieme dei problemi, delle preoccupazioni e delle emozioni cui quotidianamente dobbiamo far fronte. Quelle che un SS riterrebbe terra-terra, quelle relative al lavoro, alla famiglia, al denaro…

SS a caccia, dunque: ma con quali armi?
Si va dalle attività sportive più estreme fino alle speculazioni senza rete in borsa, viaggi esotici e comportamenti molto disinibiti compresi: basta che ci sia il rischio.
Perché di fronte al pericolo di perdere tutto (o qualcosa), il nostro sangue e il nostro cervello si riempiono di decine di sim/patiche sostanze come: l’adrenalina, la noradrenalina, il cortisolo - responsabile dell’euforia!, la serotonina, la dopamina e le endorfine. Sostanze in bilico tra il farmaco e il veleno. (http://bazarweb.i-node.it/index.php?action=ShowMagazine&id=8&idArticolo=457) Droghe endogene di cui, ovunque, si dice un gran bene. Vuoi per gli effetti decisamente allucinogeni di alcune di loro, vuoi per quelli meravigliosamente analgesici di altre. Così per stimolare ghiandole e meccanismi cerebrali va bene tutto: il caffè, la Coca Cola, i dolci, la paura, gli psicodrammi in famiglia, la rabbia, una lite furibonda con qualcuno, l’abuso di potere, il lavoro per il lavoro, gli allenamenti eccessivi, la cioccolata, il freddo, l’heavy metal a volumi ingestibili, il sale...

Sei un eSSeeSSe?

Tendete a cominciare un lavoro senza pianificare in anticipo come svolgerlo? Vi piace provare nuove esperienze, anche se un po' pericolose? Vorreste intraprendere un viaggio senza un preciso itinerario? Cambiate interessi frequentemente? Provereste tutto nella vita, almeno una volta? Fate a volte delle cose pazze, per il solo gusto di farle? Amate esplorare città sconosciute senza guida, anche a rischio di perdervi? Preferite gli amici imprevedibili? Se un progetto è eccitante, non pensate alle possibili conseguenze? Amate le feste dove può succedere di tutto? Zuckerman ha messo a punto un questionario (Sensation Seeking Scale, http://www.bbc.co.uk/science/humanbody/mind/surveys/sensation/) che con poche tendenziosissime domande vi permetterà di capire quanto siete attratti dai comportamenti ad alto rischio…

FRONTI. In amore e in guerra tutto è lecito!
La guerra, cosa c’è di più all’ultimo sangue della guerra? Il Wargame, o Softair, è un modo di giocare importato diversi anni fa dal Giappone: si tratta della simulazione – tra boschi e colline - di guerre e battaglie tra due squadre avversarie. Con tanto di combattenti equipaggiati di tutto punto: anfibi, mimetica e verissime armi giocattolo. (www.softair.it) Il fenomeno sta prendendo piede anche in Italia: sono oltre 3cento i club censiti e 20mila i giocatori coinvolti. (www.passionevacanza.it/content.asp?L=1&IdMen=541) Mentre la FISA, Federazione Italiana Soft Air, nata nel 1996, raccoglie al suo interno più di un centinaio di associazioni.

FRONTI. L’amour est une drogue, douce...
Oppure l’amore, un modo come un altro di drogarsi insieme. Come dimostra un recente studio pubblicato su Geo. (www.estense.com/?module=displaystory&story_id=18929&format=html). Durante l’innamoramento si sviluppa una vera e propria tempesta che gli scienziati attribuiscono a una molecola, la Feniletilamina, che induce effetti simili a quelli delle anfetamine e agisce sul comportamento amoroso regolando la produzione di due ormoni, la dopamina, un neurotrasmettitore che genera sensazioni gratificanti e piacevoli, e la noradrenalina, che provoca eccitazione ed euforia.
Si tratta di caratteristiche dell'amore romantico, chiarisce Helen Fisher, la massima autorità americana in tema di biologia dell'amore. Ma anche no…

Innamorarsi? Meglio sulle montagne russe!
Vivere un'esperienza rischiosa produce una reazione molto simile a quella data da alcune droghe, in particolare dall'LSD, cioè un'esaltazione di tutte le percezioni: visive, tattili, olfattive, uditive, gustative. Sono numerosi gli esperimenti che lo dimostrano. Il più noto è stato condotto da psicologi dell'Università del Michigan e ripetuto, con variazione, da numerosi altri ricercatori. Ecco in cosa consiste: diversi ragazzi incontrano una ragazza, sempre la stessa, su un ponte sospeso. Per metà dei ragazzi, l'episodio si svolge in condizioni normali; per l'altra metà, al momento dell'incontro il ponte viene fatto ondeggiare pericolosamente, dando la sensazione che possa crollare da un momento all'altro. Ebbene, il secondo gruppo dei ragazzi, intervistati successivamente, ha evidentemente trovato la ragazza molto più attraente di quanto sia apparsa al primo. La conclusione? Se oltre a provare emozioni forti - dice Valentina D'Urso, docente di Psicologia all'Università di Padova - si vuole conquistare una ragazza, è meglio portarla sulle montagne russe piuttosto che a mangiare un gelato. Perché di fronte alla paura, al rischio, l'eccitazione che ne deriva è talmente forte da coinvolgere in qualche misura anche le persone che sono vicine.
[A caccia di adrenalina, di Alina Lombardo]

L’amour est une drogue douce… en general!
Perché anche il corpo vuole la sua parte e anche il corpo promette massicci gradi di dipendenza. Fino a qualche tempo fa la caccia alle sensazioni forti era territorio – clandestino! – di fedifraghi e gente particolarmente coraggiosa: oggi, non esistono più scrupoli, il turismo sessuale è dichiarato. E gli antidoti alla noia, pronti e alla portata di tutti, finiscono col diventare fatalmente noiosi. Così si rilancia, e le coppie SS si trovano di fronte a un panorama ricchissimo di generi e stravaganze: swinging (http://en.wikipedia.org/wiki/Swinging), battuage (luoghi d’incontro all’aperto), partouze (www.spaziodonna.com/articolo.phtml?f_id=974) e chi più ne ha più ne metta. Col mondo fetish che sfugge dalle pagine della storica rivista Marquis (www.marquis.de/), ne riempie una nuova nuova e online (www.senze.se/html/Cover.html), si declina in decine di nuovissime sfaccetature (gotico, vittoriano, medioevale, cyber…) e invade tutto. Con ampio spargimento di latex, nylon e pelle nera.

ARMI. Souffrez Pour Moi è una linea di lingerie olandese, decorata al suo interno con perline e disegni geometrici a rilievo in modo che, dopo averla indossata, sulla pelle resti una specie di tatuaggio temporaneo. Irresistibile, secondo la designer Ninette Van Kamp. (http://textilefutures.co.uk/exchange/bin/view/TextileFutures/NinetteVanKamp#Final_Project)

In una sorta di supermercato dell’emozione, in cui non esiste nessuna responsabilità, per usare le parole della psicoterapeuta Maria Rita Parsi. Giochi di coppia? In questi incontri non esiste la coppia - continua la Parsi - ma il singolo e la sua ricerca. L'abitudine alla trasgressione è un modo di convivere con argomenti che altrimenti non si sa come affrontare. Questi meeting sono un teatrino legato all'esigenza dei singoli: un modo di cercare emozioni forti, quasi un elettroshock…
Come nel famosissimo Crash di Cronenberg. Un film cult che lega le emozioni agli incidenti stradali, al rapporto morboso uomo/macchina, al culto viscerale di alcune ossessioni visionarie, alle cicatrici tanto orribili quanto sensuali… Un filone ripreso anche dall’ultimo Grindhouse di Tarantino e mai totalmente esplorato, un filone che stimola le nostre ghiandole surrenali al massimo grado. Con buona pace degli spacciatori di altre droghe.

Campi di battaglia. Fast&furious
Ma esiste un modo più classico perché le macchine e la velocità rispondano all’enorme richiesta di droga (seppur endogena) di cui ha bisogno un SS: le corse. Le statistiche parlano chiaro: nel 70 per cento dei casi è chi guida a causare incidenti. E non soltanto perché non rispetta le regole, perché è distratto o perché ha un colpo di sonno. Ma anche per motivazioni squisitamente personali e caratteriali. Gli studi in questo campo, neanche a dirlo, si concentrano sull’impulsivita dei Sensation Seekers. E cercando di capire se e quanto i livelli di dopamina e serotonina contribuiscano alla formazione di una personalità dall’acceleratore facile. (http://it.health.yahoo.net/c_news.asp?id=19788&c=18&s=3)

Campi di battaglia. La rete.
L'espressione Internet Addiction Disorder è stata introdotta nel 1995 dal dottor Ivan Goldberg. Anche se, da allora, non si è ancora giunti a una definizione univoca del fenomeno. I soggetti maggiormente a rischio hanno una personalità caratterizzata da tratti ossessivo-compulsivi, tendente al ritiro, dove la rete rappresenta un modo per fuggire dalla realtà e, in un certo senso, ne costituisce un’ottimizzazione: gratificazioni immediate e disponibilità pressoché continua. Inoltre, l'universo virtuale rappresenta un buon alleato per lo sviluppo di altre forme di dipendenza. Perché consente di raggiungere un livello ottimale di attivazione, il sogno di ogni SS. (www.siipac.it/newaddictions/testinternetaddictiondisorder.htm)

Campi di battaglia. Mettersi in gioco… fino a che punto?
E anche per chi gioca senza rete, la sostanza non cambia. Nel 70% di quanti hanno una co-dipendenza da gioco e alcool c’è un’alterazione del cromosoma 11, quello che va a codificare i recettori per la dopamina, annuncia lo psichiatra Michele Sforza. Sempre lo stesso meccanismo: il gioco ci fa stare bene, stare bene ci porta a produrre delle sostanze più che piacevoli, le sostanze più che piacevoli creano dipendenza: così non riesco a smettere di giocare.

Dipendenza per dipendenza, non è più allegro il poker estremo?
Si gioca sospesi a un'altezza di 90 metri, a strapiombo. Sul mare. (http://espresso.repubblica.it/multimedia/sport/1192414)

Lo storico Huizinga parlava di “homo ludens” proprio per ricordare come il gioco sia un’attività umana fondamentale, che esiste da sempre, e ha un suo ruolo evolutivo, perché ci serve a sperimentare situazioni nuove e ad allenarci ai conflitti, spiega Sforza. Per questo quando giochiamo il nostro cervello produce sensazioni piacevoli. Il problema nasce quando questo meccanismo si altera, e chi gioca continua a farlo in modo compulsivo. Anzi, a giocare sempre di più, dato che anche il gioco dà assuefazione, per garantirsi le stesse emozioni… E oggi si pensa che esistano circa 800mila persone in Italia che non riescono a fare a meno di giocare, SS a tutti gli effetti, per cui il tentativo di smettere provoca disturbi simili a quelli di una crisi di astinenza da sostanze: ansia, cefalee, tremori. Sottolinea Sforza. Una sofferenza che ha relativamente poco a che vedere con il denaro vinto o perduto: a creare dipendenza non è la vincita, ma il fatto stesso di giocare. (www.sosazzardo.it, www.sipac.it, www.cestep.it)

Se di gioco stupefacente si deve parlare, gioco stupefacente sia!
Si chiama Pusher’s Street, si vende online per 64 euro ed è stato concepito a Padova. E’ una specie di Monopoli ispirato agli ambienti dello spaccio e del consumo di stupefacenti. Altro che Vicolo Corto e Vicolo Cieco, muovendo il proprio funghetto allucinogeno sul tabellone di Pusher’s Street si incontrano: droghe, bilancini… e polizia!
(http://nuke.pushersstreet.com/IlGioco/tabid/62/Default.aspx)

ARMI!
• Aria.

12cimila chilometri in dieci giorni, lungo le strade degli Stati Uniti, per vedere da vicino un tornado. È l’avventura di dieci appassionati che la primavera scorsa si sono messi sulle orme dell’uragano perfetto. I tornado sono tra i fenomeni naturali più violenti al mondo, raccontano Gabriele Formentini e Andrea Griffa fondatori del gruppo Thunderstorm di Padova (www.thunderstorm.it), ma allo stesso tempo sono estremamente affascinanti e in grado di trasmettere incredibili emozioni.
Equipaggiati di una stazione mobile sempre aggiornata con i dati meteo in arrivo via satellite e via internet, vagano per giorni a caccia di tornado, nella speranza di condividere l’emozione di uno stesso temporale. Parola di Gabriele Formentini.
• Vertigine.
Una passeggiata senza fiato nel corridoio sospeso nel vuoto del Grand Canyon Skyway (http://mrjarchitects.com/MRJArchitects%20canyon%202.htm) in Arizona vale il viaggio. Il famoso corridoio è a ben 1200 metri di altezza, affaccia sul Grand Canyon ed è del tutto trasparente.
• Sangue.
Volendo, è possibile visitare tutti i bassifondi di Amsterdam. A spasso negli ambienti rembrandtiani con un cicerone armato e vestito come un soldato del Seicento. In giro per i quartieri sadomaso con tanto di guida in costume di latex. O sui luoghi del delitto più macabri e famosi, al modico prezzo di 30 euro. (www.amsterdamexcursies.nl/pages/home.php)
• Neve.
Lo sport estremo più cool del momento è lo Snow Rafting, (www.ongajok.no/raftingeng.html): la rivisitazione, in chiave montana, del più tradizionale lancio giù per le cascate. Scendere in picchiata lungo ripidissime distese innevate su un gommone pilotato a pagaia, assicurano, è un’esperienza mozzafiato che calmerebbe anche il SS più incallito! (http://www.passionevacanza.it/content.asp?L=1&IdMen=560) Eventualmente non dovesse bastare, è possibile anche buttarsi dalla funivia. (http://www.passionevacanza.it/content.asp?L=1&IdMen=559)
• Ferro.
Phil Shaw, operaio di Leicester, nel 1997 ha unito le sue due più grandi passioni: l’adrenalina e l’asse da stiro. Così, ha dato vita all’Extreme Ironing, una disciplina sportiva che consiste nell’usare il ferro da stiro nei posti più insoliti: in bici, sull’acqua, sott’acqua, sul ghiaccio, sotto il ghiaccio, lanciandosi con il paracadute e perfino in cima al monte Everest. (http://www.dispenseronline.rai.it/show.php?id=1340) E testimoniarlo con foto e video.
Contrariamente a ogni aspettativa, lo sport ha avuto un discreto successo: nel giro di pochi anni, vanta una lega, dei campionati internazionali e un migliaio di appassionati. Tutti Sensation Seekers, ovviamente. Esiste persino un concorso fotografico, il Rowenta Trophy, che premia le stirature più estreme. Sul sito ufficiale (www.extremeironing.com) si trovano tutte le informazioni necessarie e le curiosità. Ad esempio, lo sapevate?, il ferro da stiro più usato dai campioni è il Black&Decker 410…

RITIRATE STRATEGICHE.
• Le emozioni, in sintesi.


smily

Infine, per un SS che non ne può più, sintetizzare le emozioni potrebbe essere un modo più intelligente di arrivare direttamente allo scopo. Il laboratorio giapponese Ora-Ito, per dire, ha lanciato sul mercato il profumo dell’allegria. Si chiama Smiley (www.ora-ito.com/cheminverstestsite/index_studio.html) e promette miracoli: basta spruzzarsi un po’ di fragranza addosso per sentirsi improvvisamente euforici e di buon umore! Il cinismo è d’obbligo ma provare non costa molto (39 dollari per 50 ml): sempre meglio che buttarsi a duecento all’ora da un autobus in fiamme solo perché ci si sente un po’ giù, no?
• L’ultima spiaggia: Eric.
Siete un SS costretto al chiuso e senza alcuna possibilità di procurarvi nuove emozioni? Senza un dirupo da cui buttarvi, senza uno specchio su cui arrampicarvi, senza una corsa clandestina in programma… non vi resta che collegarvi ad internet e scrivere ad Eric (www.emotioneric.com) descrivendogli per filo e per segno l’emozione che vorreste vivere… in men che non si dica, Eric cercherà di interpretarla e ve la restituirà con una foto online!

PUSHER
• http://members.home.nl/rudydegroot/extreme.html, quelli col gene estremo
• LA VITA ADDOSSO, 9 scrittori raccontano 9 vite estreme, Fernandel 2007 (www.dispenser.rai.it/showBook.php?id=1099)
• L’amore è un droga leggera, Reynaud Michel e Catherine Siguret, Ponte alle Grazie 2006
• Are you a risk taker?, http://psychologytoday.com/articles/pto-20001101-000035.html
• www.psych.ucsb.edu/~kopeikin/sssinfo.htm, Saperne di più sul Sensation Seeking
• http://findarticles.com/p/articles/mi_m2248/is_154_39/ai_n6364171, Identikit di un SS: friends porn and punk?
• www.extreme.com/, Tutto sugli sport estremi
 
Leggi gli arretrati
 

The Best of January 2008
di Guido Dolara

CuLt - Gennaio 2008


 

Laboratori: studenti sotto inkiesta
 
 
24 02 2012 CLICK, SI GIRA.
24 02 2012 E LA LETTERATURA?
24 02 2012 L’escapismo nella società del web 2.0
24 02 2012 Donne e sport
01 02 2012 IL CINEMA AI TEMPI DELLO SWITCH OFF

 

  Scopri ogni mesi i vincitori delle varie sezioni:
prosa pOEsia fumEtti inFORMazIone sTUdi vidEO fOtO

continua...


  :: chi siamo
:: contatti
Direttore Responsabile
Eugenia Romanelli
Responsabile News
Alessandra Caiulo
Responsabile Finanziario
Cristiana Scoppa
Graphic Designer
Cristina Manfucci
Web Master
Elisa Barbini
Powered by
i-node